Da anni varie istituzioni, persone vicine alla scuola, allo sport, amministratori, responsabili di Club e non ultimi molti genitori di ragazzi sciatori, avevano in gestazione la possibilità di offrire loro un percorso scolastico che tenesse conto delle esigenze scolastico-sportive e non costringesse a scelte obbligate di abbandono sia della scuola che del territorio.
Il momento è arrivato per una serie di concomitanze verificatesi grazie soprattutto alla sensibilità che è emersa dal Palazzo Regionale nel promuovere una nuova collaborazione tra scuola e sport invernali con la realizzazione del progetto “Classes de Neige” che ha fatto da volano anche per questa proposta.
L’adesione all’offerta regionale anche della scuola media di Gressoney e la possibilità quindi di fare, primi in una stazione sciistica di fama, “filiera” didattico- sportiva per gli studenti- atleti ha fatto nascere questa meravigliosa idea.

logo giacca250x199

Alcuni genitori di Gressoney decisero di costituirsi in una associazione senza scopo di lucro che potesse dare in concreto anima e corpo al progetto, con l'individuazione delle varie problematiche e la ricerca delle adeguate soluzioni.
Nasce così la Associazione Gressoney Ski Institut A.S.D.S. coordinata dal presidente Gian Carlo De Fabiani, dal vice presidente Franco Mattai del Moro e dai consiglieri Barbara Colla, Debora Callegari e Rinaldo Regis.
Ci si é soffermati chiaramente sui punti focali: la struttura ospitante, gli indirizzi scolastici da proporre, le collaborazioni sportive agonistiche e non.
Le peculiarità Walser della nostra comunità hanno suggerito poi il nome, in tedesco, a garanzia di un cammino di mantenimento delle nostre tradizioni, della cultura e dell'identità.
Superata la prima difficoltà legata all'individuazione della struttura che avrebbe potuto ospitare l'Istituto con l’individuazione della Casa per Ferie Villa Belvedere e approfondite nei dettagli le possibilità, si é proseguito nel verificare i possibili indirizzi scolastici della scuola superiore. E' emersa subito come prioritaria la possibilità di collaborazione con il Liceo Linguistico di Courmayeur, scuola paritaria a forte indirizzo sportivo e che a sua volta aderisce al progetto Classes de Neige regionale. L'ulteriore sinergia tra la nostra comunità e questa scuola stava nel fatto che era diretta, da molti anni ormai, da un nostro compaesano, prof. Clement Alliod, che insieme all'attuale Dirigente Scolastico Franco Cossard, si sono resi subito disponibili nel trovare le adeguate soluzioni.
Importante é stato inoltre l'apporto di Goffredo Bozzi, responsabile del progetto regionale, che ha messo a disposizione le sue conoscenze nel campo per permetterci di credere nel progetto. All'inizio promettente, sono seguiti un paio d'anni di indecisione perchè le leggi regionali sulla scuola erano diventate molto restrittive riguardo i numeri minimi per le concessioni delle classi e così l'Institut ha dovuto reinventarsi "in toto" e ha proposto un nuovo progetto totalmente autogestito che, a fronte del grande sforzo organizzativo e finanziario, ha però aperto possibilità didattiche e di flessibilità fonda mentali per degli studenti-atleti. Tali strategie hanno da subito qualificato questa proposta come unico nel panorama di queste scuole. Il nuovo progetto ha portato anche lo spostamento nella nuova e prestigiosa sede di Villa Borgogna (link). Infine è arrivata quella che sembrava una piccola follia, ma che invece si è dimostrata scelta vincente e ora con vari tentativi di imitazione, della collaborazione col famoso Istituto Internazionale Giovanni Paolo II° (link) di Roma. Il complesso romano già da 33 anni ospita al suo interno atleti di vari sport e di prestigiose società come le Fiamme Gialle, la Roma Calcio, la Federazione Nuoto o la Virtus Basket. Il progetto scaturito dalle due realtà si chiama "Gressoney Ski Institut-iGP2 (link)" e ha fatto sì che i nostri studenti siano a tutti gli effetti allievi della scuola romana e, pur passando la maggior parte dei mesi a Gressoney, frequentino la scuola capitolina nei periodi in cui non debbano sciare. La storia dell'Institut è quindi in continua evoluzione e le novità introdotte ogni hanno ne fanno sempre più un laboratorio di buone prassi per scuola e sport.